Richiedi ora un preventivo gratuito! +43 1 505 9744 0

Condizioni generali


  PDF-Download (287kb)


1. Entità della prestazione

1.1 In merito all’entità della prestazione si applicano, ove non diversamente concordato per iscritto, le seguenti condizioni:

1.2 Il Committente si impegna a comunicare l’ambito di utilizzo del testo per il quale richiede la traduzione, ad esempio se lo scopo è

1.2.1 solo informativo,

1.2.2 la pubblicazione e l’uso a fini pubblicitari,

1.2.3 di tipo giuridico oppure nell’ambito della procedura in materia di brevetti

1.2.4 o di qualsiasi altro tipo che richieda una traduzione specifica del testo e quindi la scelta di un traduttore specializzato.

1.3 Il Committente può utilizzare la traduzione solo per lo scopo indicato. Nel caso in cui il Committente utilizzi il testo tradotto per uno scopo diverso da quello per cui è stata richiesta e quindi consegnata la traduzione, decadono tutti i diritti del Committente stesso al risarcimento dei danni nei confronti di Interlingua, di seguito il Contraente.

1.4 Se l’ambito di utilizzo del testo tradotto non viene reso noto al Contraente, quest’ultimo si impegna ad eseguire il lavoro di traduzione al meglio delle proprie conoscenze, considerando lo scopo di utilizzo del testo stesso come informativo (vedi Punto 1.2.1).

1.5 Ove non diversamente concordato, le traduzioni vengono trasmesse dal Contraente in forma elettronica.

1.6 Se non diversamente stabilito, per la struttura organizzativa formale del lavoro si applica quanto previsto dal Punto 6.3 della norma DIN 2345 (“Incarichi di traduzione”).

1.7 Se il Committente desidera che venga usata una terminologia specifica, questa richiesta deve essere resa nota al Contraente, che deve inoltre ricevere contestualmente la documentazione necessaria. Questo si applica anche alle varianti linguistiche.

1.8 La correttezza contenutistica e linguistica del testo di partenza è di esclusiva responsabilità del Committente.

1.9 Il Contraente è autorizzato a passare l’incarico a professionisti terzi qualificati. In tal caso, tuttavia, egli mantiene il suo ruolo contrattuale di Contraente esclusivo.

1.10 Il nome del Contraente può essere accluso alla traduzione pubblicata solo nei casi in cui il testo sia stato tradotto interamente dal Contraente indicato, ovvero non siano state apportate modifiche alle quali il Contraente non abbia dato la sua approvazione.

1.11 L’oggetto del contratto non prevede alcuna operazione di controllo atta a verificare che la terminologia usata nell’ambito del lavoro di traduzione sia idonea a determinare le conseguenze giuridiche desiderate dal Committente o ad escludere conseguenze giuridiche indesiderate. Un’attività di questo tipo può essere svolta solo da un consulente legale che intervenga eventualmente sul testo, applicando le proprie competenze in materia di ordinamento giuridico. Per informazioni sui consulenti legali consigliamo di rivolgersi all’Istituto per il Commercio Estero del luogo.


2. Onorari

2.1 Gli onorari (prezzi) per i servizi di traduzione vengono determinati in base alle tariffe (listini prezzi) del Contraente che si applicano ai diversi tipi specifici di traduzione. Le traduzioni vengono conteggiate in base al numero di righe/parole del testo tradotto, esclusi i documenti. Questi ultimi vengono conteggiati a pagina. 1 riga = 45 caratteri (senza spazi), 1 pagina = ca. 30 righe dattiloscritte (DIN A4). Il prezzo minimo è quello corrispondente a due pagine.

2.2 Eventuali lavorazioni che vanno oltre l’ambito della normale elaborazione del testo verranno conteggiate previ accordi (ad es. se gli originali vengono forniti in formati speciali; se il Committente richiede una particolare forma grafica che prevede l’uso di un software specifico).

2.3 Se la prestazione del servizio concordato non ha luogo, per ragioni da imputare al Committente, ad esempio perché quest’ultimo non mette a disposizione il testo, oppure viola altri obblighi di collaborazione, il Committente stesso è tenuto comunque a pagare il 50% dell’onorario previsto per la prestazione o prestazione parziale non verificatasi. Quanto sopra menzionato esclude esplicitamente le normative sui conteggi ai sensi dell’art. 1168 del Codice Civile Austriaco (ABGB).

2.4 I preventivi si considerano validi solo se in forma scritta.

2.4.1 Eventuali preventivi di spesa forniti in altre forme sono da considerarsi indicativi e non vincolanti.

2.4.2 I preventivi di spesa vengono redatti con la massima competenza tecnica, tuttavia si declina ogni responsabilità per la correttezza degli stessi. Se, successivamente all’assegnazione dell’incarico, si dovessero verificare aumenti di costo superiori al 15%, il Contraente ne informerà quanto prima il Committente. Aumenti di costo che si rivelano inevitabili, e che rientrano nel 15%, non richiedono l’approvazione del Committente e possono essere direttamente presentati in fattura.

2.5 I preventivi forniti senza aver visionato i documenti da tradurre sono da considerarsi indicativi e non vincolanti. Anche in assenza di comunicazione, di cui al punto 2.4.2, se il Contraente non redige un nuovo preventivo, il Committente è tenuto a pagare i costi effettivi della traduzione, di cui al punto 2.1.

2.6 Ove non diversamente concordato, in fattura possono essere conteggiate, al prezzo adeguato, anche eventuali modifiche e aggiunte apportate all’incarico.

2.7 Eventuali aumenti di stipendio e di salario stabiliti a livello di contratti collettivi autorizzano il Contraente a una successiva correzione dei prezzi.

2.8 È prevista la rivalutazione della richiesta e delle richieste accessorie. Come unità di misura per il calcolo della rivalutazione si applica l’indice dei prezzi al consumo mensile comunicato dall’Ufficio Centrale Statistico Austriaco o altro indice alternativo.

Come misura di riferimento si applica l’indice calcolato per il mese della stipula del contratto. Le oscillazioni dell’indice, in aumento o in diminuzione, fino al 2,5% escluso, non vengono considerate. Questo margine deve essere ricalcolato ad ogni superamento, in aumento o in diminuzione; in questa fase il primo numero di indice che supera il margine di volta in volta valido deve costituire la base sia per la nuova definizione dell’importo della richiesta, sia per il calcolo del nuovo margine. Gli importi così ottenuti devono essere arrotondati a una cifra decimale.

2.9 Per il controllo di traduzioni di terzi è possibile che venga calcolato e fatturato l’onorario intero di una prima traduzione.

2.10 Per consegne rapide e lavoro durante il fine settimana possono essere applicati dei supplementi in misura congrua.


3. Consegna

3.1 I termini di consegna e/o le scadenze delle prestazioni del Contraente sono da considerarsi vincolanti solo se concordati per iscritto e se il Committente adempie tempestivamente agli obblighi di collaborazione, in particolare la trasmissione puntuale dei documenti da tradurre, e prevedono la possibilità di revoca da parte del Committente, in caso di fissazione di espressa e adeguata proroga, di durata comunque non inferiore ai 14 giorni. 

3.2 I termini e le scadenze di consegna sono da considerarsi “tassativi” solo se definiti tali espressamente e per iscritto.

3.3 Anche i termini e le scadenze di consegna “tassative” possono prevedere delle proroghe, nella misura in cui il Committente ritardi nell’adempimento dei propri obblighi di collaborazione.

3.4 In caso di problemi nell’elaborazione elettronica dei dati da parte del Contraente, per cui non sia possibile rispettare i termini o la scadenza di consegna come definita al punto 3.1., il Committente ne sarà immediatamente informato e verrà indicata la prima scadenza di consegna possibile. In presenza di ritardi di questo tipo, in caso di proroga così come definita al punto 3.1., il recesso è possibile se anche la scadenza alternativa non viene rispettata.

3.5 Ove non diversamente concordato, i documenti che il Committente mette a disposizione del Contraente al termine dell’incarico di traduzione rimangono in possesso del Contraente. Il Contraente non ha alcun obbligo di conservazione o di gestione particolare di tali documenti. Il Contraente è tuttavia tenuto ad assicurare che tali documenti non possano essere utilizzati in modo contrario ai termini del contratto.


4. Causa di forza maggiore

4.1 In casi di forza maggiore il Contraente è tenuto a informare immediatamente il Committente. I casi di forza maggiore consentono il recesso dal contratto sia al Contraente sia al Committente. Il Committente è tuttavia tenuto a riconoscere al Contraente le spese già effettuate e le prestazioni già eseguite.

4.2 Per cause di forza maggiore si intende in particolare: casualità; conflitti del lavoro; operazioni belliche; guerra civile; il presentarsi di ostacoli imprevedibili che compromettono in modo determinante e dimostrabile la capacità del Contraente di rispettare gli obblighi contrattuali.


5. Responsabilità per difetti o mancanze (garanzia)

5.1 I reclami per difetti relativi alla qualità della traduzione devono essere presentati entro e non oltre quattro settimane dalla consegna (fa fede il timbro dell'ufficio postale) della traduzione. Gli eventuali difetti devono essere descritti dettagliatamente e dimostrati dal Committente, in forma scritta.

5.2 Per la rettifica dei difetti il Committente deve garantire al Contraente i tempi e i modi per eseguire la correzione. Se questi non vengono consentiti, il Contraente è sollevato dalla responsabilità per i difetti in questione. Nel caso in cui i difetti in questione vengano risolti dal Contraente entro i termini prestabiliti, il Committente non ha diritto alla riduzione del prezzo.

5.3 Se il Contraente non risolve i difetti entro i termini della proroga commisurata concessa, il Committente ha facoltà di recedere dal contratto o di pretendere una riduzione del prezzo. Per difetti non rilevanti non è prevista possibilità di recesso né di riduzione del prezzo.

5.4 I diritti di garanzia non autorizzano il Committente a sospendere i pagamenti concordati né a operazioni di compensazione.

5.5 Per le traduzioni di testi che verranno stampati e pubblicati, sussiste una responsabilità per difetti solo nel caso in cui il Committente comunichi espressamente nell’ordine di incarico la sua intenzione di pubblicare il testo, e se al Contraente viene presentata la bozza di stampa della versione definitiva del testo (autocorrezione), per la quale non siano previste ulteriori modifiche. In tali casi è previsto il pagamento del lavoro di rilettura bozze eseguito dal Contraente, che può basarsi su una tariffa oraria.

5.6 Per lavori di traduzione di documenti difficilmente leggibili, illeggibili ovvero di difficile comprensione non sussiste alcuna responsabilità per difetti. Quanto sopra si applica anche alla revisione delle traduzioni definite ai punti 2.9 e 5.5.

5.7 Migliorie stilistiche ovvero adeguamenti terminologici (in particolare nel caso di terminologia specifica settoriale o aziendale) non sono da considerarsi difetti di traduzione.

5.8 Per sigle e abbreviazioni specifiche dell’incarico, per le quali il Committente non abbia fornito indicazioni o spiegazione in fase di assegnazione dell’incarico, non sussiste alcuna responsabilità per difetti.

5.9 Il Contraente declina ogni responsabilità per la corretta riproduzione di nomi e diciture composte da caratteri diversi da quelli latini. In tali casi si consiglia al Committente di indicare la corretta grafia di nomi e diciture in un foglio a parte, in lettere latine maiuscole. Questo si applica anche a nomi e numeri illeggibili su documenti quali ad esempio gli atti di nascita.

5.10 I numeri e le cifre vengono riprodotti come da originale. Si declina ogni responsabilità per la conversione di cifre, indicazioni di misura, valute e simili dati.

5.11 Per manoscritti, documenti originali e simili atti forniti dal Committente che non vengono restituiti a quest’ultimo in fase di consegna, il Contraente è responsabile quale depositario ai sensi del Codice Civile Generale per la durata di quattro settimane dal completamento dell’incarico. Non sussiste alcun obbligo di assicurazione. Per i rimborsi si applica quanto indicato al punto 3.5. Per la messa a disposizione di traduttori e interpreti si declina ogni responsabilità, ad eccezione della “colpa di scelta” ai sensi dell’art. 1315 del Codice Civile Austriaco (ABGB).

5.12 Per i servizi di revisione di cui al punto 2.9 si declina ogni responsabilità nei casi in cui non venga messo a disposizione il testo di partenza.

5.13 In caso di trasmissione delle traduzioni mediante trasferimento dati (per e-mail, modem, ecc.) il Contraente declina ogni responsabilità per difetti e compromissioni da ciò derivanti (quali ad esempio la trasmissione di virus, la violazione degli obblighi di riservatezza), a meno che non sussista colpa grave da parte del Contraente.


6. Risarcimento danni

6.1 Le richieste di risarcimento nei confronti del Contraente si limitano in ogni caso, se non diversamente imposto dalla legge, all’importo della fattura (netto). Fanno eccezione alla suddetta limitazione del risarcimento i casi di danni causati da grave negligenza o dolo. Non sussiste responsabilità per mancato guadagno o danni conseguenti.

6.2 Se il Contraente ha stipulato un’assicurazione di responsabilità civile per danni patrimoniali, le richieste di risarcimento sono limitate all’importo riconosciuto dall’assicurazione nel caso specifico.


7. Pagamento

7.1 Ove non diversamente concordato, il pagamento deve avvenire in contanti alla consegna della traduzione ovvero subito dopo il suo arrivo. Il Contraente è autorizzato a richiedere un acconto adeguato. In caso di clienti privati e di Committenti esteri può essere richiesto il pagamento anticipato dell’intero importo dell’incarico. Se viene concordato il ritiro della traduzione da parte del Committente, e tale ritiro non avviene puntualmente, l’obbligo di pagamento da parte del Committente sussiste a partire dal giorno in cui la traduzione viene resa disponibile per il ritiro.

7.2 In caso di ritardo nel pagamento il Contraente è autorizzato a trattenere i documenti forniti per l’incarico (ad es. manoscritti di cui è stata richiesta la traduzione). In caso di ritardo nei pagamenti vengono calcolati gli interessi di mora del 12 % p.a..

7.3 In caso di mancato rispetto delle condizioni di pagamento concordate tra Committente e Contraente, il Contraente è autorizzato a sospendere il lavoro sugli incarichi in corso fino a quando il Committente non adempie agli obblighi di pagamento previsti. Quanto sopra si applica anche agli incarichi per i quali è stata stabilita una consegna tassativa (vedasi punto 3.1). Se l’importo del pagamento dovuto è molto inferiore al valore dei lavori in corso, la sospensione degli stessi è ammessa solo fino all’ammontare del pagamento dovuto. Dalla sospensione del lavoro non derivano diritti di rivalsa per il Committente, né vengono pregiudicati in alcun modo i diritti del Contraente.


8. Obbligo di segretezza

Il Contraente è tenuto al segreto professionale. Il Contraente deve adoperarsi perché i suoi collaboratori si attengano al segreto professionale. Il Contraente non è responsabile per la mancata osservanza di tale obbligo da parte dei suoi collaboratori, ad eccezione dei casi di colpa grave nella scelta dei collaboratori.


9. Esclusività

Il Committente si impegna a non instaurare alcuna relazione commerciale con collaboratori esterni del Contraente (Subcontraenti) per un periodo di 12 mesi dal termine dell’incarico. 


10. Manleva da parte del Committente in caso di richieste di risarcimento o azioni per danni

Il Committente dichiara di essere autorizzato alla traduzione e all’elaborazione del testo. Il Committente dichiara il Contraente indenne da qualsivoglia richiesta di terzi derivanti da mancate autorizzazioni rispetto alla traduzione oggetto dell’incarico. 


11. Foro competente

Il luogo di adempimento per tutte le relazioni contrattuali soggette alle presenti condizioni commerciali è la sede sociale del Contraente. Per le controversie sull’esistenza o l’inesistenza di tale rapporto giuridico e per le controversie derivanti da tali relazioni contrattuali, per le cause presentate dal Contraente è competente, a scelta del Contraente, il foro competente del Contraente stesso oppure il foro competente generale del Committente; per le cause contro il Contraente esclusivamente il foro competente generale del Contraente. Si considera concordata l’applicazione del diritto austriaco.


 12. Validità del contratto

Anche in caso di invalidità legale di singoli punti, il contratto mantiene la propria validità relativamente alle restanti parti.


13. Varie (posta elettronica)

Ogni chiarimento, informazione e conferma di ricezione inviata dal Contraente per e-mail viene considerata ricevuta dal Committente, se per l’invio viene utilizzato l’ultimo indirizzo e-mail comunicato dal Committente, a meno che il Contraente non sia un utente ai sensi dell’art. 12 dell’ECG (Legge sull’e-commerce).

Aggiornamento 2016